About me

ABOUT ME

Marco Belloni, aka Makko, è nato e cresciuto a Milano, città da cui è partito dieci anni fa per iniziare un periodo di spostamenti, viaggi e scoperte non ancora conclusosi (o forse infinito?) che lo ha portato a vivere tra altre città italiane, Australia, Argentina, Spagna, Germania, Stati Uniti e Brasile.

La sua passione per la scrittura nasce proprio in giro per il mondo e non a caso le sue prime pubblicazioni sono racconti di narrativa di viaggio, “Carretera al Norte” (scritto in spagnolo e edito da Points de Lunette) e “Incontri Geografico-tipati” (in italiano, pubblicato nella raccolta “Partire”, Avallardi).

Fidia è il suo primo romanzo, scritto sviluppando un racconto di dieci pagine fino ad arrivare ai 13 capitoli che lo compongono nella sua versione finale. Non si può definire narrativa di viaggio, ma i temi del cambiamento di luoghi interni ed esterni sono comunque presenti in tutta l’opera.

 Oltre a scrivere Marco ha preso parte in vari progetti artistici di varia natura.

Nel 2008 ha viaggiato per il Sahara Occidentale per la realizzazione del documentario “Yo soy una mujer saharaui.
L’anno dopo lo ha trascorso lavorando nel sociale a Buenos Aires, dove ha anche studiato composizione musicale presso la EMBA di Buenos Aires.
Percussionista autodidatta da diversi anni, dopo vari anni di progetti musicali di ogni tipo tra Granada, Barcellona, Berlino, Pechino, Milano e Pisa, si sta dedicando, con molta calma, al suo progetto musicale individuale e collettivo, di fusione di ritmi latini e brasiliani in chiave elettronica (puoi ascoltare qualcosa 
qui).
Ha composto la colonna sonora per lo spettacolo “Insomnio” per la Compagnia di marionette “Titiriqué” a Granada, di cui è stato co-autore della sceneggiatura e attore protagonista.

Lavora da anni con l’amico e regista Mattia Fiumani nella stesura di sceneggiature a quattro mani. Al momento stanno lavorando alla sceneggiatura de “La futbolitica di Quinto“, tratto dal primo capitolo di Fidia.

 L’amore per la scrittura, per la cucina e per la musica l’hanno portato a credere che arte è qualsiasi atto con cui si da forma a ciò che abbiamo a disposizione fuori ascoltando quello che ci viene da dentro.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...